È necessario sottoscrivere un’assicurazione viaggio con il visto Working Holiday?

Hai già pensato di lasciare tutto e di richiedere il visto Working Holiday in uno dei paesi convenzionati con l’Italia? È una delle migliori decisioni che potresti mai prendere. Oggi ti diciamo tutto sull’assicurazione Working Holiday!

Cosa vuol dire WHV? È l’abbreviazione di Working Holiday Visa o Visto Vacanza Lavoro in italiano. Questo visto di lavoro permette ai giovani che hanno tra 18 e 35 anni di vivere un anno in un altro paese. Lo scopo del WHV è di lavorare per finanziare poi i tuoi viaggi nel paese che ti ospita temporaneamente. Non è necessario trovare un lavoro prima di ottenere il visto.

Quali sono i paesi convenzionati con l’Italia?

Il WHV è un programma bilaterale. Esiste quindi un principio di reciprocità tra i paesi che hanno firmato un accordo per il visto Working Holiday. Per esempio, gli italiani possono ottenere il visto vacanza lavoro per l’Australia e gli australiani possono ottenere il visto per l’Italia.

Dove possono viaggiare gli italiani?

PAESEETÀDURATA DEL VISTOPOSTI
Australia18-35 anni3 anni*illimitati
Canada 18-35 anni1 annocirca 1000 posti
Corea del Sud 18-30 anni1 anno500 posti
Hong Kong 18-30 anni1 annoNon è ancora aperta la destinazione
Nuova Zelanda18-30 anni1 annoillimitati

*Il WHV Australia è valido un anno. È rinnovabile per un secondo anno se si accumulano un minimo di 88 giorni di lavoro in un settore e/o una regione con carenza di manodopera, è poi rinnovabile per un terzo anno se si completano 179 giorni di lavoro.

Perché sottoscrivere un’assicurazione specifica per il visto Working Holiday?

Motivo n°1: è obbligatoria l’assicurazione!

L’Australia è l’unico paese che non richiede la sottoscrizione di un’assicurazione al momento della richiesta del visto Working Holiday. Tuttavia, le autorità australiane raccomandano vivamente di stipulare un’assicurazione di viaggio. L’assicurazione di viaggio diventerà molto probabilmente obbligatoria per richiedere il visto Vacanza Lavoro per l’Australia dopo la pandemia mondiale di Covid.

I consolati degli altri paesi convenzionati richiedono un’assicurazione viaggio che includa le seguenti garanzie: assistenza rimpatrio, responsabilità civile e copertura delle spese mediche e di ricovero.

Motivo n°2: Perché il Sistema Sanitario Nazionale italiano non ti copre quando ti ammali al di fuori dell’Unione Europea

Se pensi che il Sistema Sanitario Nazionale italiano ti coprirà dall’altra parte del mondo, ti sbagli! Non verranno coperte le tue spese mediche all’estero, o il rimpatrio o il tuo rientro anticipato se decede un tuo parente. Quindi, se hai un raffreddore o un’influenza dovresti stare bene, ma se vieni ricoverato in ospedale è tutta un’altra storia… E dovrai pagare tu la fattura!

Attenzione: in Australia puoi usufruire del sistema Medicare. Clicca qui per saperne di più.

Motivo n°3: Perché le spese mediche sono costose all’estero

In Nuova Zelanda come in Canada, le spese sanitarie sono molto costose. Devi anche sapere che i medici stabiliscono i loro prezzi. Per darti un’idea: una visita da un medico di base in Australia costa circa 100 dollari, il trasporto in ambulanza costa 300 dollari, e se sei ricoverato in ospedale, può costare migliaia di euro!  

Queste spese sono coperte dall’assicurazione? Il contratto Cap Working Holiday di Chapka copre le spese mediche senza massimale e senza franchigia. Concretamente:  

Motivo n°4: Perché un rimpatrio sanitario è molto costoso

Per darti un’idea: un rimpatrio sanitario dalla Nuova Zelanda all’Italia costa circa 85.000 dollari e sarai accompagnato da un medico o da un’infermiera. Se non lo fai per te stesso, fallo per proteggere la tua famiglia ed evitare di metterla in una situazione finanziaria difficile.

Motivo n°5: Perché vorrai essere presente se un tuo parente viene ricoverato in Italia

Un membro della tua famiglia è ricoverato in ospedale e vuoi andare al suo capezzale? Devi andare al funerale di un tuo parente stretto? La tua assicurazione è presente per aiutarti! Comprare un biglietto aereo andata/ ritorno all’ultimo momento costa spesso più di 1.500 euro, soprattutto se sei in Australia o Nuova Zelanda.

Queste spese sono coperte dall’assicurazione? In caso di ricovero grave di più di 72 ore o di decesso di un parente stretto, potrai usufruire di un biglietto andata/ritorno se contatti il centro assistenza della polizza Cap Working Holiday di Chapka.

Motivo n°6: Perché siamo lieti di ricevere una visita quando siamo ricoverati

Non è divertente essere ricoverato in ospedale da solo dall’altra parte del mondo!

Cos’è coperto dall’assicurazione? Se sei ricoverato più di 72 ore e ti trovi da solo all’estero, l’assicurazione pagherà il biglietto andata ritorno e il pernottamento in hotel (50 €/notte e massimo 10 notti) affinché un membro della tua famiglia possa stare al tuo capezzale. Per usufruire di questa garanzia, dovrai contattare il centro assistenza della polizza Cap Working Holiday di Chapka.

Quale assicurazione scegliere per il visto Working Holiday?

Ti consigliamo la polizza Cap Working Holiday di Chapka, a partire da 33€ al mese. Ecco le garanzie principali:

Desideri più informazioni sull’assicurazione per il visto Working Holiday? Contatta Chapka al +39 02 82 94 09 55 o tramite mail a info@chapkadirect.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.